Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
8 giugno 2009 1 08 /06 /giugno /2009 16:19

In tempi in cui vediamo crollare certezze, spegnersi sogni, tremare strutture che sembravano eternamente solide, forse dovremmo cercare salvezze inedite. E forse dovremmo cercarle non più nei soliti posti. Dovremmo cercarle altrove. Altrove può voler dire tanti posti diversi. Ognuno di noi potrà scegliersene uno. Poi, magari, se quello non funziona, provarne un altro. In queste righe vorrei, semplicemente, segnalarvi uno di quei luoghi: l’Arte. L’arte come salvezza. A me suona bene. Non più l’arte come luogo di ermetici intellettualismi, riservati a gruppi di persone “conoscitrici” della materia, circoli piuttosto ridotti, e piuttosto esclusivi. E neanche come luogo di diletto, di attività per il tempo libero, dedicato a chi, avendo un animo sensibile sceglie di occupare quella parte del suo tempo che non è consacrata al lavoro ed ai doveri, a tentare di scopiazzare la realtà tramite pennelli e colori. L’arte come salvezza è l’arte che funge da tubo di scappamento, da valvola che permette di fuoriuscire la pressione in eccesso evitando così l’esplosione. L’arte come salvezza significa sfruttare una capacità che ogni essere umano possiede per dire, o per URLARE, o al limite per domandare, tutte quelle parole, parolacce e domande che ci si stringono in gola e non escono mai, tante volte perché non hanno nemmeno una forma definita, ma dentro di noi ci sono eccome. “Una capacità che ogni essere umano possiede”. Cosa può voler dire? Mica tutti siamo artisti, direte voi. E invece sì. Almeno quando arte significa linguaggio. Siete d’accordo che chiunque è in grado di rovesciare barattoli di colori, rimescolarli con le mani, o con un pennello, o una spatola, uno straccio, un pettine vecchio o qualsiasi altro oggetto si trovi nei paraggi? Anche se ciò che viene fuori non è un paesaggio, una natura morta, un ritratto, né alcuna immagine riconoscibile? Siete d’accordo che chiunque può cantare, anche se è terribilmente stonato? Siete d’accordo che chiunque è capace di prendere tra le mani un pezzo di argilla e di ammassarlo, schiacciarlo, modellarlo, anche se il risultato non è La Pietà di Michelangelo? Bene, se avete risposto SI a tutte le domande, allora state accettando che ogni essere umano è in grado di esprimersi attraverso i mezzi descritti. E quindi sta utilizzando un linguaggio. Arte. Se riusciamo davvero a tornare a riprenderci la libertà di fare quelle cose (che da bambini facevamo allegramente) troveremo una via di sfogo per molte delle piccole e grandi frustrazioni che ogni giorno ci provocano un nodo in gola e un buco nello stomaco. E soprattutto, impareremo a comunicare con gli altri in un modo nuovo, e forse riusciremo a capirci di più. Quando le parole che si dicono ogni giorno, a casa, al lavoro, a scuola, dal macellaio, dal panettiere, in TV, nei giornali, non significano più niente e non ci bastano più per dire tutto quel che ci succede dentro, è ora di cercare linguaggi nuovi.
                                                                                                                           Patricia Vena

Condividi post

Repost 0
Published by Seblie
scrivi un commento

commenti

iginia bianchi 07/16/2009 18:32

Cara Patrizia,voglio commentare il tuo scritto " l'arte oltre la forma" con una mia esperienza.Qui ,a Roma, ci sono state molte manifestazioni culturali di arte figurative,patrocinate da vari enti e ministeri,la più importante per estensione e grandiosità è stata:The Road to Contemporany ART,mega-evento(2-5 aprile), che ha coinvolto una serie di palazzi e luoghi storici per creare un connubio fra l'attualità e la storia,:Perché alla fine di questa via crucis,mi sono sentita dentro un vuoto e un avvilimento ,una tristezza simile a quella che ha ghermito te e tuo marito dopo l'incontro politico? Il mio disagio è nato da qualcosa di pù profondo,che mi ha riportato indietro nel tempo.Non sono nessuno per poter giudicare,c'erano opere molto interessanti,ma altre non degne di considerazione.non dobbiamo accettare tutto l'informale come creatività,tuo marito è un vero artista,perché è arrivato all'informale dopo anni di studio e di applicazione,le sue opere sono molto significative,non si può accettare valida una tela dipinta dalla coda e dalle zampe di un gatto:Non facciamo l'errore del sei politico,.I ragazzi non erano contenti di essere livellati,i migliori,perché si demotivavano,i peggiori, perché avrebbero preferito gratificarsi,superando le loro lacune con l'aiuto dell'insegnante.I disegni dei bambini sono belli, perché spontanei e genuini,ma, ad un certo punto, l'individuo deve capire che non si può produrre una buona musica a caso solo strimpellando una tastiera ,ma bisogna studiare,altrimenti avremmo altri insoddisfatti senza valori e ideali.Con stima Iginia Bianchi

Presentazione

  • : Blog di Seblie
  • Blog  di Seblie
  • : In questo spazio potremo discutere tutti gli argomenti legati al nostro interesse principale: l'Arte, le sue forme, i suoi principi, e quant'altro ci verrà in mente di proporre su questo tema. Siete tutti invitati a partecipare.
  • Contatti

Link