Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
25 gennaio 2013 5 25 /01 /gennaio /2013 10:19

Opera di Maxs Felinfer - Olio su tela - 40 x 60 cm - Argentina (1978)

an081a

  

  

  

  

  

  

 

 

 

 

 

Fermate questa giostra! E ora di finirla con l’eterna storia delle cose fatte perché la volontà popolare lo richiede. E’ ora di scendere. E’ ora di cominciare a chiamare le cose con il loro vero nome. Televisione fatta a misura degli utenti, ci vogliono far credere. Giornali scritti per consumatori omogeneizzati, tipo latte a lunga conservazione che non sa di latte, che consumano notizie omogeneizzate. Riviste stracolme di banalità su gente VIP che salta di letto in letto o che detta moda su una passerella davanti ad un pubblico con stipendi per sole tre settimane. Programmi dove chi ha più cause e processi in corso ha più cose da dire e per tanto più spazio a disposizione. Telegiornali senza via d’uscita poiché composti dal sessanta per cento di cronaca nera, venti per cento de politici che fanno la loro campagna elettorale e veline che annunciano i loro nuovi show e, con molta fortuna, di un dieci per cento, si, un dieci per cento d’informazione utile all’utente. Il resto e composto da testata, saluti e pubblicità più o meno occulta.
Fermate la giostra, gli spazi “informativi” devono essere al servizio “dell’interesse generale”, per la gente, per la volontà popolare sulla quale tanto si fa leva quando si vendono la televisione, i giornali, le riviste, e tutto il resto. Ricordiamoci: tutto ciò è pagato in gran parte dal popolo, si, pagato con denaro, con tempo, sforzo, sacrificio, tramite sovvenzioni statali che potrebbero, invece, essere destinate ad altre priorità (l’educazioni dei nostri figli, la sanità per dirne alcune). Basta di guardare “l’audience” per decidere cosa passare in TV, cosa scrivere sui giornali; provate ad abituare la gente alle cose che le giovano invece d’insistere nell’inganno con cui la imboccate come a tacchini per i vostri interessi. Qualcuno ha fatto la prova di portare avanti un programma di analisi dell’interesse popolare a partire dalle scuole, dalle fabbriche, dai servizi pubblici in modo di capire quali sono le cose che preoccupano le persone, di cosa vorrebbero sentir parlare, quali problematiche affrontare con il contributo di chi opera in ogni settore? Avete provato qualche volta a consultare le moltitudini per individuare i veri bisogni dell’uomo attuale? E’ ora di finirla con l'informazione omologata al servizio della politica o dell’economia o, peggio ancora, i principi faziosi di certe elite. E’ ora di domandarsi cosa fare, dubitare, se necessario, sulla strada da intraprendere e ripartire con una alternativa a questo sistema che si è rivelato fallimentare.
Fermate questa giostra! Presto sarà fuori controllo.

di Maxs Felinfer - "Sensibilizzare l'uomo migliora la salute della società"

maxs@seblie.com 

 

CITTA'

Tristezza di una città qualunque
tanto in fondo sono tutte uguali
anonimi agglomerati urbani
feriti da strade grigie e opache
attraversati da fili
che non connettono nessuno
e avvolti nella nebbia perenne
della solitudine e del silenzio.

di Patricia Vena


Condividi post

Repost 0
Published by Seblie - in da you-ng
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Blog di Seblie
  • Blog  di Seblie
  • : In questo spazio potremo discutere tutti gli argomenti legati al nostro interesse principale: l'Arte, le sue forme, i suoi principi, e quant'altro ci verrà in mente di proporre su questo tema. Siete tutti invitati a partecipare.
  • Contatti

Link