Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
18 gennaio 2013 5 18 /01 /gennaio /2013 16:54

Opera di Maxs Felinfer - Olio su cartone - 30 x 40 cm (Italia 2008

 

P1040731b.jpgHo visto la città confondersi nell’umida foschia, dove il suo rigido profilo si ammorbidisce, nel fuori fuoco delle incertezze che l’avvolgono.
Succede sempre che le acque alte portino dentro casa le impronte del sudicio fango che si ammassa sotto i piedi mentre percorriamo i giorni della lotta quotidiana. Non è stato mai un facile compito quello di vivere, ma oggi si aggiungono le raffiche incessanti dei freddi venti del nord.
Quanto in basso dovremo scendere? Quanto ancora saliranno le acque? E quanto a lungo avremo questo cattivo tempo?
E’ incredibile come il grigio che tinge tutte le cose finisca per entrare nell’animo delle persone fino a trasformarlo in una lunga e lenta tristezza che va ad attuare una funesta metamorfosi negli abitanti della tempesta. Sarebbe quasi inutile svelare i parallelismi, ma per chi si trovi occupato in distrazioni di qualunque genere, questo è quel che succede nella vita civile dei gruppi sociali che popolano il nostro mondo attuale.
Dove si vuole arrivare? Continueremo, per garantire l’ingordigia di alcuni, a sommergere tanti altri nella tristezza? Per quanto tempo ancora continueremo a giustificare l’andamento grottesco e malvagio di questa tempesta? C’è uno scopo più alto dell’umanità di quello di essere felici? E per favore, cerchiamo d’intenderci, essere felice non è legato a comprare l’ultima lavatrice, ma sorridere, avere voglia di sorridere, di avere amici, di rivolgere la parola ad un simile senza paura che ti morda, sentire l’allegria di svegliarti perché ti aspetta un nuovo giorno, desiderare che anche gli altri siano felici, condividere il sole, gli spazi aperti, spazzare via la foschia dal nostro animo e lasciare correre l’aria fresca.
Per finire vorrei fare una domanda alla quale non riesco a dare risposta da solo. Voi, miserabili ladri dell’allegria, che deve essere, invece, patrimonio di tutti, quanto bene vi sentite? Voi che vi sentite potenti sguazzando nella vostra indegna condizione, raggiungete la vostra felicità? Ecco perché si fa difficile credere che ci sia un Dio giusto, se così fosse vi avrebbe già richiamato a una dimensione umana faccendovi scendere da questa vostra onnipotenza. Viene proprio da pensare che siate figli di un Dio minore, regnante nelle paludi melmose e maleodoranti.

di Maxs Felinfer - "Sensibilizzare l'uomo migliora la salute della società"

maxs@seblie.com

 

GRIGIO

Umida realtà che tutto avvolge
nel suo velo di nebbia
di pioggia
di vento,
come uno specchio
in cui la mia anima si riflette
quando sento il grigiore della vita
invadere ogni mia fibra.

di Patricia Vena

 


Condividi post

Repost 0
Published by Seblie - in da you-ng
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Blog di Seblie
  • Blog  di Seblie
  • : In questo spazio potremo discutere tutti gli argomenti legati al nostro interesse principale: l'Arte, le sue forme, i suoi principi, e quant'altro ci verrà in mente di proporre su questo tema. Siete tutti invitati a partecipare.
  • Contatti

Link