Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
9 marzo 2013 6 09 /03 /marzo /2013 09:55
Maxs Felinfer
MMXII
il Blog di Maxs Felinfer
Una società che dimentica gli interessi di coloro che la compongono, trasforma la vita comune in un travaglio inutile sia alla società che al singolo individuo.

Opera di Maxs Felinfer - Olio su tela - 50 x 70 cm (Argentina 1987)

pagliaccio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

Vorrei fare un elenco di tutti coloro che mi hanno aiutato a compiere grande parte dei miei progetti, quelli che in un modo o in un altro hanno percorso un tratto di strada insieme a me. Ciò non implica che sia io arrivato a grandi traguardi, ma, in se stesso è un buon obiettivo per un essere umano arrivare a 66 anni avendo vissuto intensamente, con pienezza, tutto il percorso.
C’è una compagna che soprattutto mi è stata vicina, sia nei momenti duri sia in piena felicità. Mi riferisco all’arte. Posso disegnare il percorso tracciato in questo lungo periodo di tempo, con solo guardare i dipinti che, dai miei 11 anni, per ogni momento, sono stati il prodotto di quel vissuto che di volta in volta bolliva nel mio piccolo-enorme mondo interiore.
Potrei enumerare i momenti vissuti con ognuno di questi specchi che mi hanno aiutato a costruire quel che sono, per lunghi o corti periodi della mia vita. Oggi, guardando le fotografie o solo ricordandole, tutte queste opere mi restituiscono la vita come in un film, in cui, e questo sì mi riempie di orgoglio, io sono stato il protagonista. E’ vero che si dipinge da solo, anche se molte volte ho vissuto l’esperienza di condividere la tela con amici pittori, che mi hanno fatto crescere. Si tratta di una solitudine popolata di sensazioni vivide, di un impulso vitale nel quale senti la gazzarra di tutti questi personaggi che partecipano con te nella grande recitazione che è la vita.
A volte, perfino una parola, lo scambio di uno sguardo, un sorriso, fanno di quel personaggio che incrocia il tuo cammino un attore importante dell’opera.
E, visto che ho scritto “perfino una parola”, vorrei fare leva su una che di recente ha fatto scattare l’idea che mi ha spinto a scrivere questo racconto. Si tratta della parola “grazie”, che ho sempre considerata magica poiché fa molto bene a chi la riceve, ma fa molto più bene a chi la dice. Bene, qualche giorno fa, come commento alla foto di un’opera con forti connotati esistenziali che avevo pubblicato trovo, scritto, “Grazie”. Grazie, da una signorina, amante dell’arte, che immagino lontana dalla sua terra natale e che seduta davanti al suo computer scrive questa parola dando un senso alto al mio sforzo, al mio impegno. Anche lei adesso, fa parte di quell’elenco di cui parlavo all’inizio del racconto.

di Maxs Felinfer - "Sensibilizzare l'uomo migliora la salute della società"

maxs@seblie.com

Condividi post

Repost 0
Published by Seblie - in da you-ng
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Blog di Seblie
  • Blog  di Seblie
  • : In questo spazio potremo discutere tutti gli argomenti legati al nostro interesse principale: l'Arte, le sue forme, i suoi principi, e quant'altro ci verrà in mente di proporre su questo tema. Siete tutti invitati a partecipare.
  • Contatti

Link