Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
25 gennaio 2013 5 25 /01 /gennaio /2013 10:15

Opera di Maxs Felinfer - Olio su tela - 40 x 50 cm (Italia 2006)

papetti

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ecco la risposta.
Per un attimo mi ero perfino sentito un po’ esagerato nei miei articoli sulle malefatte dei politici, ma loro non si smentono mai, qualsiasi sia il coperchio che tu alzi c’è dell’altro che bolle in pentola. Quando in una nazione mancano le risorse necessarie per affrontare i bisogni elementari di una grande maggioranza dei cittadini, i nostro politici cosa fanno? Si dimezzano lo stipendio per collaborare? NO. Rinunciano a tutti o parte degli esagerati privilegi che si sono assegnati? NO. Smettono di prendere bustarelle su appalti di opere pubbliche, rifornimento di materiali per ospedali o caserme militari? NO. Danno indietro le auto blu per usare le proprie macchine come fanno tutti i lavoratori del paese? NO.
Si limitano nel fare passare gli acquisti personali come rimborso spese di rappresentanza? Smettono di utilizzare il conducente della propria auto blu, e logicamente anche l’auto, per fare portare la moglie dal parrucchiere? NO.
A questo punto ci viene da domandarci: cosa hanno fatto di così eclatante questa volta?
Bene, faccendosi eco della crisi che incombe sono corsi al riparo del proprio sedere,creando un’infinità di partiti e partitini che hanno come unico scopo quello di assicurare ad ognuno di loro una poltrona in parlamento per poter godere di tutti i privilegi sopra descritti.
Lei sig. cittadino, Lei è un fesso e dovrà continuare a privarsi di tutte le cose perse in questi vent’anni di governi ladri, poiché dopo aver pagato quello che hanno rubato i politici, ci è toccato pagare quello che hanno rubato le banche, poi quello che ci è toccato pagare per contribuire a sostenere guerre fatte per fare in modo che chi ci stava dietro guadagnasse e adesso dobbiamo pagare per fare in modo che tutti questi promettenti uomini di governo abbiano il loro momento di celebrità e poi la meritata poltrona. Questo è democrazia? Mi sa tanto che, vedendo quanto siano andate bene le cose alla chiesa vendendo illusioni e menzogne, loro hanno copiato gli stessi passi ma nel tempio della politica. Tanto, qual’è il problema? più povero e disperato è il popolo, più ha bisogno di credere alle promesse, e poi … poi, vota.

di Maxs Felinfer - "Sensibilizzare l'uomo migliora la salute della società"

maxs@seblie.com

Repost 0
Published by Seblie - in da you-ng
scrivi un commento
24 gennaio 2013 4 24 /01 /gennaio /2013 20:19

Opera di Maxs Felinfer - Olio su tela - 120 x 180 cm (Argentina 1982)

1682piatto doro

  

  

  

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Servito in un piatto d’oro”, è il modo più comune per dire che una cosa ti viene offerta nel migliore dei modi.
Ma quando il piatto diventa grosso e pesante e il beneficio ricade su chi ha preparato la propria pietanza e a te tocca pagare il conto la cosa cambia. E’ questo il modo in cui i poteri hanno sempre preparato il banchetto a proprio ed esclusivo beneficio, mentre agli altri tocca sorreggere il piatto.
E mentre restano lì a sopportare inesorabilmente il peso, il malessere li mette l’uno contro l’altro senza mai fare cadere, però, il piatto.
Così l’arcaico potere custodisce il benessere del suo erede, che continuerà ad avere il futuro servito in piatto d’oro.

di Maxs Felinfer - "Sensibilizzare l'uomo migliora la salute della società"

maxs@seblie.com

IL PIATTO D’ORO

Lui lo sa.
Ne è consapevole.
Finché saranno impegnati
a sbranarsi tra di loro,
a cavarsi gli occhi,
a scannarsi a vicenda,
lui non cadrà.
Continueranno a reggere
quel suo piedistallo d’oro
dove può serenamente
cullare il futuro che gli appartiene.

di Patricia Vena

Repost 0
Published by Seblie - in da you-ng
scrivi un commento
24 gennaio 2013 4 24 /01 /gennaio /2013 20:11

Opera di Maxs Felinfer - Olio su tela - 100 x 140 cm (Brasile 1981)

rampa110

  

  

  

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Salire, verso il cielo, quello di Dio, dei miracoli e delle catastrofi. Verso il cielo, salire sempre, con l’ambizione di arrivare su, rafforzato dalla presenza categorica di altri come te, che ti danno la sicurezza di essere sulla retta via.
Salire e salire lasciando nel deserto coloro che non vedono il cielo. Accompagnati dalle rovine di tutta la storia gli altri restano lì, nel caldo ardente dell’umano purgatorio.
Perciò è bene salire, verso il cielo, salire fin là, dove la strada si perde fra le nuvole, salire fino a rendersi conto che la rampa finisce.

di Maxs Felinfer - "Sensiblizzare l'uomo migliora la salute della società"

maxs@seblie.com 

 

UNA RAMPA VERSO IL CIELO

Tante sono le forme dell’illusione …
A molti umani importa soltanto
lasciarsi dietro le umane esperienze
e credere che lassù ci sia qualcosa di meglio
una sorta di premio alla sofferenza
una specie di rimborso del dolore
il bastone e la carota

Cadono anche gli Dei.

Patricia Vena

Repost 0
Published by Seblie - in da you-ng
scrivi un commento
24 gennaio 2013 4 24 /01 /gennaio /2013 20:07

Opera di Maxs Felinfer - Olio su tela - 60 x 90 cm (Olanda 1983)

grotta

  

  

  

  

  

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutto abita dentro di te, quello che vedi all’esterno non è altro che il riflesso di ciò che già conosci, poiché vive ormai da tempo nella grotta del tuo mondo interiore, formando la tua personalità ed il bagaglio di conoscenze con cui darai significato a quello che vedi nel mondo reale.

di Maxs Felinfer - "Sensibilizzare l'uomo migliora la salute della società"

maxs@seblie.com 

 

LA GROTTA

C’è ogni cosa
c’è la scienza e la storia
l’arte e la natura
sprazzi di altri mondi
il silenzio dei morti
l’enorme valigia della cultura.
C’è la vita e la gioia
c’è la scoperta ed il passato
c’è la luce
il futuro
il buio
e il dolore.
C’è tutta l’umana vicenda
in ognuno di noi.

di Patricia Vena

Repost 0
Published by Seblie - in da you-ng
scrivi un commento
24 gennaio 2013 4 24 /01 /gennaio /2013 19:51

Opera di Maxs Felinfer - Olio su tela - 60 x 80 cm (Ungheria 2004)

Donna

  

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Esposta come al mercato con una luce che la renda più appetitosa, la donna viene esibita, e, nel caso del modello usato nei grandi mezzi di comunicazione, in concorso di colpa con la donna stessa che non si ribella, viene trattata alla pari di una bistecca.
Quando poi l’uso si fa degradante, denigrando anche la sua condizione umana non c’e chi difenda un interesse che deve essere di tutti. Se si tratta la donna come una bistecca, l’operaio come uno schiavo, e i bambini come un indice di consumo è arrivata l’ora di domandarsi quale tipo di società è stata creata e a chi serve oltre che agli accumulatori di denaro.
Basta!!! togliete la donna dallo scaffale, così l’uomo potrà sentirsi meno solo.

di Maxs Felinfer - "Sensibilizzare l'uomo migliora la salute della società"

maxs@seblie.com 

 

DONNA

Quell’atavica maledizione
ti condanna inesorabilmente,
irrimediabilmente ti inchioda

alla punizione eterna,
senza nemmeno la dignità
che culturalmente la storia
ha conferito alla croce.
Per te donna,
femmina,
per te neanche la croce,
soltanto una brutta tavola di legno
nella quale esporre la tua carne nuda
da ripudiare e lapidare,
soltanto perché pretendi di esistere.

di Patricia Vena

Repost 0
Published by Seblie - in da you-ng
scrivi un commento
24 gennaio 2013 4 24 /01 /gennaio /2013 19:49

Opera di Maxs Felinfer - Olio su tela - 70 x 100 cm (Argentina 1984)

284ASSUR

  

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bisogna rinnovare sempre la capacità di meravigliarci, si tratta di un particolare modo di mantenere in vita la nostra giovinezza di spirito.
Se ormai tutto ciò che può accadere è qualcosa che perde il nostro interesse prima che ci si presente, la nostra vita non ha più scampo, è irrimediabilmente persa anche se continuiamo a respirare.
Dunque quando un bambino ci fa vedere il suo disegno, dobbiamo avere l’accortezza di indurlo a raccontarci la sua magica storia e non dire “che bella farfalla hai dipinto!”, poiché è probabile che si tratti ad esempio di un circo o di un gruppo di bambini giocando, e faremo nella sua sensibilità lo stesso danno che potrebbe fare un elefante in una cristalleria.

di Maxs Felinfer - "Sensiblizzare l'uomo migliora la salute della società"

maxs@seblie.com 

 

STUPORE

Conservare lo stupore
difenderlo ad ogni costo
con i denti,
con le unghie,
difendere quell’istante
di occhi spalancati
e di bocca che da sola si dischiude,
dinanzi alla meraviglia
o all’impossibile,
all’assurdo o soltanto
allo sconosciuto.
Conservare quel bambino
che eravamo e siamo ancora.
Va salvato lo stupore.

di Patricia Vena

Repost 0
Published by Seblie - in da you-ng
scrivi un commento
24 gennaio 2013 4 24 /01 /gennaio /2013 19:46

Opera di Maxs Felinfer - Olio su tela - 60 x 80 cm (USA 1984)

an04-84

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Trascina il carretto, asinello, girando in tondo, percorrendo sempre il tuo solito cerchio nevrotico.
Continua a tirare anche quando le tue gambe affonderanno nel fango e ti sembrerà di portarti appresso il peso della terra intera. Trascina il carretto, senza nemmeno guardare quelli che non lo trascinano più e cominciano a confondersi con la terra, che ormai, in un gesto pietoso, inizia a coprirli di erba.
Passo dopo passo, trascina il carretto che diventa sempre più pesante, anche se è stato sempre ugualmente vuoto.
Moltitudini di solitudini condivise nello stesso inutile trascinare l’inconsapevolezza che la vita vissuta fino in fondo va da sola.

 di Maxs Felinfer - "Sensiblizzare l'uomo migliora la salute della società"  
  maxs@seblie.com 
 I GESTI 

Assurda inutilità
di gesti ripetuti all’infinito
senza un senso né uno scopo
senza guardarsi attorno
senza domande e senza risposte.
Assurda inutilità
di sforzi e sacrifici
imposti chissà da chi
imposti chissà perché,
ormai nessuno lo ricorda,
e a nessuno ormai importa.

di Patricia Vena

Repost 0
Published by Seblie - in da you-ng
scrivi un commento
24 gennaio 2013 4 24 /01 /gennaio /2013 19:45

Opera di Maxs Felinfer - Olio su tela - 50 x 70 cm (Olanda 1982)

aned11-82

  

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Salvate il Cristo, salvate il povero Cristo ché la torre crolla, usate pure la croce rovesciata per puntellare le mura pericolanti, ma non permettete alla torre di cadere!
Portate fuori il Cristo, non lasciate la gente senza processione. Che ne sarà di noi?, salvate il Cristo prima che crolli la torre, puntellate, salvate le ostie consacrate, la vergine, i santi, e tutte le immagini prima che la torre crolli. Che ne sarà di noi senza la torre?
Un po’ più in là, in disparte, il Cristo, quello vero, si asciuga una lacrima calda che scivola sulla sua guancia. “Signore, perdonali, ancora una volta non sanno quello che fanno”.

di Maxs Felinfer - "Sensibilizzare l'uomo migliora la salute della società"

maxs@seblie.com 

 

I SIMBOLI

Affannarsi fino al limite
dare tutto
fino alle lacrime
fino al dolore
fino alla fame
pur di salvare
ciò che era lì
solo e soltanto
per ricordare l’essenza.
Un simbolo, appunto,
soltanto un simbolo.
Eterna cecità umana
che dimentica sempre
ciò che davvero importa.

di Patricia Vena

Repost 0
Published by Seblie - in da you-ng
scrivi un commento
24 gennaio 2013 4 24 /01 /gennaio /2013 19:42

Opera di Maxs Felinfer - Olio su tela - 50 x 70 cm (Olanda 1981)

orologio

  

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli spalti gremiti, le gole palpitanti, le curve in effervescenza, le luci accecanti, lo spettacolo avrà inizio oppure è già iniziato, non è ciò che importa. La vera ragione della moltitudine è riempire il tempo, riempire il vuoto che genera quella sensazione sgradevole di non avere una vera ragione per esistere, perciò è sempre meglio che qualcosa di grande accada e trovarci a partecipare.
Urlare contro altri, insultarli, sentire che siamo superiori, che gli batteremo, e buttarli delle poltrone, petardi e tutto ciò che possiamo trovare a portata di mano. Sentire il fervore di appartenere a una delle parti e odiare gli altri, ridere, ubriacarci di alcool e di stupidità, insultare l’arbitro, offendere i giocatori di colore e sperare che la squadra vinca per poter maltrattare i tifosi contrari all’uscita dallo stadio.
Poi tornare a casa, senza denaro, stanchi, frustrati, aspettando che la settimana passi presto per poter ancora sentirci potenti.

di Maxs Felinfer - "Sensibilizzare l'uomo migliora la salute della società"

maxs@seblie.com 

 

 

VIVERE

Passa, il tempo,
e noi lo guardiamo scorrere,
lento a volte,
e altre volte veloce,
troppo,
insopportabilmente veloce,
e niente facciamo
e niente potremmo fare
per fermarlo
allora tanto vale viverlo,
è il nostro tempo,
non ce ne sarà un altro.

di Patricia Vena

Repost 0
Published by Seblie - in da you-ng
scrivi un commento
23 gennaio 2013 3 23 /01 /gennaio /2013 18:14

Da oggi iniziamo a pubblicare una serie di quadri dal nome PASSATOFUTURO, realizzati con l'applicazione di componenti elettronici recuperati da computer ed elementi informatici in disuso. Per aprire questa nuova serie di articoli vi propongo il testo che raccoglie "Gli obiettivi di quest'opera".
M.F.

 

Opera di Maxs Felinfer - Olio e componenti elettronici su cartone - 80 x 120 cm (Italia 2008)

B-29-08

  

  

  

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TEMPO DI RICICLO

Gli obiettivi dell’opera:

 L’opera d’arte è uno strumento espressivo iniziatico nell’uomo, che tende un ponte verso la nostra interiorità. La crescita interiore, la serenità, la consapevolezza di sé sono stadi che si raggiungono, e i ponti che ci porteranno fino a essi dovranno essere costruiti, se necessario, con le macerie del passato. Sarà importante, in questo evento trascendente, avere la massima lucidità per capire l’entità del nostro impegno. Quest’idea pretende di prolungare la vita di un pezzo di futuro già scartato e di esibirlo, affinché l’osservatore possa comprendere l’assoluta superficialità con cui tale gesto è stato compiuto. La pretesa non è quella di sacralizzare o mistificare una scheda di computer buttata, probabilmente funzionante, ma di allertarci riguardo ad un andamento del nostro tempo che tende a mettere l’uomo nello stesso scomparto del pezzo di computer scartato. Non é affatto semplice, una volta acquisito il vizio della pigrizia vitale, reagire al degrado della nostra propria condizione umana. Contempliamo impassibili come i più importanti pregi dell’essere si mercificano inesorabilmente.
E' compito dell’arte dare l’allarme. Non soltanto per evitare che le persone siano trattate come rifiuti negando loro la propria dignità, ma per svegliarle dal letargo che fa di loro degli esseri superficiali, incantati dai fuochi d’artificio che la modernità propone senza sosta. Questo basterebbe per riattivare quell’energia essenziale che é alla base della creazione, della comunicazione, del senso più alto dell’esistenza stessa.

Più sensibilità avremo nella comprensione degli atti della vita, maggiore sarà la serenità che caratterizzerà la nostra esistenza. Più conosceremo noi stessi, più diritto avremo di ritenerci parte dell’universo.

di Maxs felinfer - "Sinsibilizzare l'uomo migliora la salute della società"

maxs@seblie.com 

 

Profonde cicatrici
squarciano la ruvida corteccia
di questo mondo così antico
e così nuovo, ogni giorno,
ogni istante,
e poi arriva il liquido trasparente e rinfrescante
a percorrere quelle ferite,
donando loro nuova vita.
Spazzare via ogni traccia di civiltà post industriale.
Tornare alle origini.
Rimescolare il tutto.
Inghiottire enormi blocchi di raziocinio.
Restituire il mondo al caos.
E ricominciare.

di Patricia Vena

Repost 0
Published by Seblie - in da you-ng
scrivi un commento

Presentazione

  • : Blog di Seblie
  • Blog  di Seblie
  • : In questo spazio potremo discutere tutti gli argomenti legati al nostro interesse principale: l'Arte, le sue forme, i suoi principi, e quant'altro ci verrà in mente di proporre su questo tema. Siete tutti invitati a partecipare.
  • Contatti

Link